Header Ads

DETTI e PROVERBI

Chi c'ha lo pa' non c'ha li denti.
Chi ha il pane non ha i denti.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

Pe' cantà ce vo' la voce.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

Li frichi e li puji sporca le case.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

La lengua vatte do' lo dente dole.
La lingua batte sul dente che fa male.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

'mpara l'arte e mettela da parte.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

Parla come magni.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

Tanto va' la gatta al lardo che ce lascia lo zampino.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

La gatta pesciarola ha fatto li fiji cechi.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

Quando lo gatto non c'è lo sorice valla.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

Lo sorice sotto la pula non se ccceca.
(Segnalato dagli amici di Civitanova Marche)

L'amore è cumu i spinarelli: duemo passacce tutti...
L'amore è come la varicella, dobbiamo passarci tutti.
(Segnalato da Anna Marchesini)

E' mejo fa' nvidia, che compascio'.
E' meglio fare invidia che compassione.
(Segnalato da Anna Marchesini)

Tutti penza a gambià 'l monni, ma gnisciù penza a gambià sé stesso.
Tutti pensano a cambiare il mondo e nessuno se stesso.
(Di Anna Marchesini)

I guai è cume i foji de carta igienica: ne pii uno, ne viene diesci.
I guai sono come i fogli di carta igienica, ne prendi uno e ne vengono fuori dieci.
(Segnalato da Anna Marchesini)

La pecora che sbèla perde lu muccicò
Se la pecora perde tempo a belare no si riempie la pancia.
(Segnalato da Andrea Marziali)

Tu si strollica o te la dittu la Madonna
(Segnalato da Simonetta Mariotti)

Se la montagna a misto lu cappellu venni la capra e compra lu mantellu....se la montagna sbraga venni lu mantellu e compra la capra!!!! La montagna a messo il cappello bianco di neve vendi la capra e compra il mantello perché sarà un'inverno molto rigido. ...se invece la prima neve scende fino ai piedi della montagna vendi il mantello e compra la capra perché sarà un'inverno mite!!!
(Segnalato da Pina Sciamanna)

La lengua che non parla e' bona cotta.
(Segnalato da Carla Brasca)

'Na recchia sorda quante lengue secca.
Un orecchio sordo zittisce tante lingue.
(Segnalato da Carla Brasca)

Commanna e fa da te e si servito come un re.
Fai le cose da solo che fai prima.
(Segnalato da Carla Brasca)

Meglio puzzà de vì che d'ojo santo.
(Segnalato da Carla Brasca)

Se lampa la scampa, se tuona la sona.
(Segnalato da Rossana Massenti)

Chi cerca trova, chi cammina inciampa.

Chi se 'rsumiglja se piglja.
Chi si rassomiglia si piglia.

Chi gode 'na vorda, non pena sempre.
Chi gode una volta, non pena sempre.

La vita è comme 'na cipolla: più la sfoglj più te fa piagne!
La vita è come una cipolla: più si allunga e più ti fa piangere!

Chi non fatica tutti li dì, in miseria ha da finì.
Chi non lavora tutti i dì, in miseria deve finire.

Bona notte Gljsù che l'olio è caru.
Buona notte Gesù che l'olio è caro.

Camina la li liscerta sulla su lu muru, non aè prescia, che lo murì è sicuru.
Cammina la lucertola sul muro, non aver paura che il morire è sicuro.

Cervidimo a settembre quanno l'ua è fatta e lu ficu penne!
Ci rivediamo a settembre quando l'uva è matura e il fico pende!

Lu vastone de grugnale roppe l'ossa e non fa male.
Il bastone di corniolo rompe le ossa e non fa male.

E Gljsù Cristu desse a li quattro canti: quello che non piace a te non fare all'antri.
E Gesù Cristo disse a tutto il mondo: quello che non piace a te non fare agli altri.

Farrà la fine de la vella de Rascija che tutti la vogljeno e gnisiunu se la piglja.
Farà la fine della bella di Rasiglia che tutti la vogliono e che nessuno se la piglia.

Quant la boca prènd e 'l cul rend, acidènti a 'l medicin e a chi le vend.
Quando c'è l'appetito e l'intestino funziona, al diavolo le medicine e chi le vende.

Quant l'ost è tla porta, è segn ch'el vin è trist.
Quando l'oste sta sulla porta, vuol dire che il vino non è buono.

La tramontana forte e la strina dura tre dì e 'na matina.
La tramontana forte ed il gelo durano tre giorni ed una mattinata.

Lu teremoto fa tuttu allamà e riccu e puirittu fa apparà.
Il terremoto fa crollare tutto, mettendo sullo stesso piano ricchi e poveri.

Chi vuole soffrire le pene dell'inferno, vada a Jesi d'estate e a Cingoli d'inverno.

Figlj picculi guai picculi, figlj grossi e guai grossi.
Figli piccoli guai piccoli, figli grandi e guai grandi.

Oh signor, marit e l'unor el gran da vend e i soldi da spend.
Oh signore, il marito e l'onore il grano da vendere ed il danaro per spendere.

Quant la bocca fa l' forn o ch'ha fam o c'ha set o c'ha sonn.
Quando la bocca sbadiglia è un segnale di fame, di sete o di sonno.

Se li guai non voi cercà, usula tantu e non te 'mpiccià!
Se i guai non vuoi cercare origlia tanto, ma non t'impicciare!

Le tre "C" che la femmena deve evitare: cugini, cognati e compare!
Le tre "C" che la donna deve evitare: cugini, cognati e compare!

Se non te voli scapicollà, la martinicchja in costa hai da tirà.
Se non ti vuoi scapicollare, il freno in discesa devi tirare.

La cèrqua nun fa l'melaranc.
La quercia non fa le arance.

Quanno Fermo vole fermà, tutta la Marca la fa tremà.
Quando Fermo vuole fermare tutta la Marca la fa tremare.

Pioe e martempu fà, a casa d'altri vene non se stà.
Piove e maltempo fa, a casa d'altri bene non si sta.

Ruzzola vene accigljata sicuramente fa la passata.
La ruzzola bene accigliata sicuramente fa la passata.

Se gljoca a ruzzola pe' la Pasqetta pe' l'agnillittu e la capretta.
Si gioca a ruzzola per la Pasquetta mettendo in palio l'agnello o la capretta.

La messa, la pulenta e li tagljulini so tre cose fatte pe li contadini!
La messa, la polenta ed i tagliolini sono tre cose fatte per i contadini!

Na quartarola de menu, ma cu'l mugugnu.
Un quarto di paga in meno, ma con la possibilità di poter dire la mia.

Tra assardi, bombarde, cannoni, shrapnel e mitraglja, more la megljo gioventù né la battaglja.
Tra assalti, bombarde, cannoni, shrapnel e mitraglia, muore la meglio gioventù nella battaglia.

Chi spanne e spenne, prestu s'arrenne.
Chi spande e spende presto s'arrende.

Se non t'aiuta Iddio pocu te posso fa io.
Se non t'aiuta Iddio poco ti posso fare io.

Chi vole vie in pace, scorda, vede e tace.
Chi vuol vivere in pace, ascolta, vede e tace.

Chi va pianu va sanu e va lontano e 'rmane co le mosche in mano.
Chi va piano va sano e va lontano e rimane con le mosche in mano.

Quelle co lu nasu prinsù, una per casa e pui non più.
Quelle con il naso all'insù, una per casa e non di più.

Chi non fa 'ngnente, de tempu cennà pe criticà la gljente.
Chi non fa niente, di tempo ce n'ha per criticar la gente.

Lu medicu 'mpara l'arte e l'ammalatu se ne parte.
Il medico impara l'arte e l'ammalato se ne parte.

Nasce puiritti è male ma è peggljo finì tale.
Nascere poveri è male, ma è peggio finir tale.

La crapa svergognata è sempre a coa arzata.
La capra svergognata sta sempre a coda alzata.

Quattrinu più quattrinu 'rempe lu vorsellinu.
Quattrino più quattrino riempie il borsellino.

Chi pota de magghju e zappa d'agosto non 'rcoglje né pane né mosto.
Chi zappa di maggio e pota d'agosto non raccoglie né pane né mosto.

Quanno se deve giudicà un potente ce se pensa tre vorde e pui non se ne fa di gnente.
Quando si deve giudicare un potente ci si pensa tre volte e poi non se ne fa di niente.

Chi vole Cristu se lu deve pregare, chi vole lo pane se lo deve guadagnare.
Chi vuole Cristo se lo deve pregare, chi vuole il pane se lo deve guadagnare.

Chi c'ha tantu da perdere ha tantu da temere.
Chi ha tanto da perdere ha tanto da temere.

Se la vita voli vene menà, la speranza no glj fa mai mancà.
Se la vita vuoi ben trascorrere, la speranza non farle mancare.

Val più un pass'r pres che cent da pijà.
Vale di più un passero già preso che cento da prendere.

Quanno lu corpu no mugghja, l'anima non fugghja.
Quando il corpo non reclama cibo, l'anima non scappa.

Le femmene so comme le chitare: tuttu dipenne da chi le fa sonare.
Le donne sono come le chitarre: tutto dipende da chi le fa suonare.

Pasqua ed Epifania tutte le feste se porta via.
Pasqua ed Epifania tutte le feste si porta via.

Lu 'malatu se more è corpa de lu medicu, se campa è un miraculu.
Il malato se muore è colpa del medico, se campa è un miracolo.

Li danni de li maremoti e tifoni non se 'rfanno co le Vefane e li Vefanoni.
I danni dei maremoti e tifoni non si riparano con i regali della Befana.

Se der vene a li puiritti voli fà, non gli dà lo pesce ma insegnagli a pescà.
Se vuoi fare veramente del bene ai poveri non dargli il pesce ma insegnagli a pescare.

Tra promesse Vefane e Vefanoni, saccocce vote e tante dilusioni.
Tra promesse befane e befanoni, tasche vuote e tante delusioni.

Se 'n pace co lu patrone voli stà, lu somaru dove vole lui devi attaccà.
Se in pace con il padrone vuoi stare, l'asino dove vuole lui devi attaccare.

Lu mortu giace e chi campa se dà pace.
Quando il morto è sepolto, chi resta prima o poi si rassegna.

Beatu quillu corpu che de sabbeto è mortu e la dominica è 'rpostu.
Beato quell'uomo che di sabato muore e di domenica è sepolto.

Dieci anni dura la grascia e trenta la caristia.
Dieci anni dura l'abbondanza e trenta la carestia.

Quillu pè vennese paghiria chi se lu compra.
Quello per vendersi pagherebbe chi lo acquista.

Se li gljorni de la merla voli passà, pane, pulenta, porcu e focu a volontà.
Se i giorni della merla (i più freddi dell'anno) vuoi ben passare, pane, polenta maiale (macellato) e sotto il camino a scaldarti.

Se di li guai te voli 'rcaccià, a medicu, prete e avvocato dì sempre la verità.
Se dai guai vuoi venir fuori, a medico, prete e avvocato devi dire sempre la verità.

Pè l'avvocato 'ntraprennente 'ngni corpovole po' diventà 'nocente.
Per l'avvocato intraprendente ogni colpevole può diventare innocente.

Quanno a lu convetu vusseno vocche affamate, lu priore ordina: "vrodo lungu e seguitate".
Quando al convento bussano bocche affamate, il priore ordina: "brodo lungo e seguitate".

Chi pensa in granne, sbaglja in granne.
Chi pensa in grande, sbaglia in grande.

Chi dice d'aè sempre 'ragljone e mai sbagljà, sicuramente è un mattu da legà.
Chi dice di avere sempre ragione e mai sbagliare, sicuramente è un matto da legare.

Lu primu vicchiere serve pè leasse la sete, lu sicunnu pè alegria, lu terzu pè piacere, lu quartu pè 'mpriacasse.
Il primo bicchiere di vino per dissetarsi, il secondo per allegria, il terzo per piacere, il quarto per ubriacarsi.

Quanno un buriusu gljrrà a commannà, sicuramente dei danni farrà.
Quanno un borioso andrà a comandare sicuramente dei danni potrà fare.

Quanno un vecchju ghjoene vole apparì, vordì che ha persu tutti li venerdì.
Quando un vecchio giovane vuole apparire, vuol dire che ha perso tutti i venerdì.

Se da la polizia le saccocce non te voli fa svotà le vriglie ai cavalli tu devi tirà.
Se dalla polizia non ti vuoi far svuotare le tasche, tu devi tirare le briglie ai cavalli.

Chi se venne a lu megljo offerente, de moralità non ce n'ha proprio ngnente.
Chi si vende al miglior offerente di moralità non ne ha proprio niente.

Da San Benedetto a San Isidoro, bassa Pasquina con friddu e vrina.
Da San Benedetto a Sant'Isidoro, bassa la Pasqua con freddo e brina.

Da Sant'Isidoro a San Giorgio, arda Pasquetta che tempu vellu 'spetta.
Da Sant'Isidoro a San Giorgio, alta Pasquetta che tempo bello aspetta.

Chi contentu comme 'na Pasqua è, perché rispetta le creature tutte e chi l'ha fatte.
Chi è contento come una Pasqua è perché rispetta tutte le creature e chi l'ha fatte.

Dilusu s'è 'rtroatu quillu che ha vinnutu la pelle de lu lupu prima d'aellu ammazzatu.
Deluso si è trovato colui che ha venduto la pelle del lupo prima d'averlo ammazzato.

Se ne li guai non te voli 'rtroà, sta a larga da lu lupu che pecora se fà!
Se non ti vuoi mettere nei guai, stai alla larga dal lupo che si presenta con sembianze di pecora!

Quanno pioe gljo che se fina, né ghjacciu né strina.
Quando piove a dirotto non ci sarà né gelo né freddo.

La Pace da lu Papa predicata a Natale, speriamo che a Pasqua pozza arrivare.
La pace predicata dal Papa a Natale, speriamo che a Pasqua possa arrivare.

Da la morte a la vita la Pasqua è un passagghju, vulimo la Pace prima de Magghju.
Dalla morte alla vita la Pasqua è un passaggio, vogliamo la Pace prima di maggio.

Pè Santa Caterina, la neve è su la spina.
Per Santa Caterina la neve è sulla spina.

Non c'è rosa senza spine, non c'è marzu senza vrine.
Non c'è rosa senza spine, non c'è marzo senza brine.

Se omo accortu te voli mostrà, le trappole più 'niscoste tu devi evità.
Se uomo accorto ti vuoi mostrare, le trappole più nascoste tu devi evitare.

L'omo 'nvidiusu è stupitu e permalusu.
L'uomo invidioso è stupido e permaloso.

La magghjese de magghju va preparata pè lo granturcu e la patata.
Il maggese di maggio si deve preparare, perché granturco e patate hai da seminare.

'Nsurgà è un dovere, piantà magghju è un piacere.
Insolcare è un dovere, piantare a maggio è un piacere (naturalmente espresso in senso metaforico).

Chi doelle non deve annà, a casa sua non dovrà tornà.
Chi non deve da nessuna parte andare, non alla propria casa non dovrà tornare.

Quanno verrà lu gljornu de lu cuntu de li cunti, capiranno anche li tunti.
Quando verrà il giorno del conto dei conti (giorno finale), quel giorno capiranno anche i tonti.

Li 'nummeri comme te pare li poi 'rgljrà, ma li cunti a la fine deveno 'rtornà.
I numeri li puoi spostare come vuoi, ma alla fine i conti debbono tornare.

Piòe, piòe e maltemp'è in casa d'altri nun se sta bè'; se iu fussi in casa d'altri cume i altri è a casa mia de fuga de fuga 'ndaria 'ia.
Piove, piove ed è maltempo in casa d'altri non si sta bene; se io fossi in casa d'altri come altri è in casa mia in fretta in fretta andrei via (per l'ospite indesiderato).

Pè la Pasquetta, se magna l'ovo sodo, lu salame e la pizza venedetta.
Per la Pasquetta, si mangia l'uovo sodo, il salame e la pizza benedetta.

Riarzu chi fa da sera a matina de voglja de lavorà ce n'ha pochina.
Chi fa baldoria da sera a mattina, di voglia di lavorare ne ha pochina.

Se lu tiru non voli sbagljà, la ruzzola appena spagata hai da tirà.
Se il tiro non vuoi sbagliare, la ruzzola appena spagata hai da tirare (spagare consiste nell'avvolgere sul dorso della ruzzola circa tre giri di spago).

Spagu stuccatu e/o ruzzola paccata, va sempre 'rtirata.
Spago spezzato e/o ruzzola spaccata, va sempre ritirata.

Se la ruzzola tu devi 'rcaccià, a squadru co la strada tu devi annà.
Se la ruzzola tu devi riportare sulla strada, la devi mettere nel punto perpendicolare all'asse della strada.

Tu poli glji do te pare, ma da la morte non te poli libberare.
Tu puoi andare dove ti pare, ma dalla morte non ti puoi liberare.

Marzu pazzerellu, Pasqua cò l'ombrellu.
Marzo pazzerello, Pasqua con l'ombrello.

Chi guarda lu cartellu non magna lu vitellu.
Chi guarda il cartello non mangia il vitello.

S'èl monte ci ha él cappellu él tempu nun fa bellu.
Quando il monte (il monte Conero, sul mare, nei pressi di Porto Recanati) porta il cappello di nuvole, il tempo non sarà bello.

'Na recchia sorda cendo lengue secca.
Un orecchio sordo (che non raccoglie) cento lingue secca (fa tacere).

L'amore è comme l'ombra: se fugglj te vene dereto, se glj vai dereto fugghja.
L'amore è come l'ombra: se fuggi t'insegue, se l'insegui scappa.

Chi ha paura de le palle, non va in guerra.
Chi ha paura di morire non va in guerra.

Nun se po' chiude el cancellu dopu che edè scappati i porchi.
Non si può chiudere il cancello dopo che i porci sono fuggiti.

Se la 'patta non sai troà, la data de Pasqua non poli dà.
Se l'epatta non sai trovare, la data di Pasqua non saprai calcolare.

Li sordi e l'anni non se rifiuteno mai!
I soldi e gli anni non si rifiutano mai!

Lu munnu è 'na valle de lacrime, ma ce se piagne tantu volintieri!
Il mondo è una valle di lacrime, ma ci si piange tanto volentieri!

Casa 'nisconne ma nò 'rrubba!
Casa nasconde ma non ruba.

Quanno l'uliu fiurisce de giugnu, lu contadinu cò l'olio ce se lava lu grugnu.
Quando l'olivo fiorisce di giugno, il contadino con l'olio ci si lava il grugno.

Guardà e non toccà è 'na cosa da crepà!
Gardare e non toccare è una cosa da crepare!

Lassa ggi la 'éla 'ndu che tira el ventu.
Lascia andare la vela dove tira il vento.

Pè San Quirì vatti la fargia e accoda lu fargì.
Per San Quirino batti la falce ed affila il falcino.

Quanno un homo 'ncumincia ruttà, salute e ghjanna se deve augurà!
Quando un uomo incomincia a ruttare, salute e gianda si deve augurare!

Chi careggia el mèle, se llicca i déti.
Chi trasporta il miele, si lecca le dita.

Se maritu tu voli pigljà, lu corredu d'accja non te devi fà!
Se marito vuoi pigliare, il corredo di canapa non ti devi fare.

Chi non sa vene accodà, la fargja e fargittu non deve usà.
Chi non sa bene accodare, la falce e il falcetto non deve usare.

L'ascia chi no la sa addoprà prèstu la lascia.
L'ascia chi non la sa adoperare presto la lascia.

La cèrqua fa la ghiànna.
La quercia fa ghianda.

Quannno lu ventu cattiu vidi arrià, canna che se piega devi diventà.
Quando il vento cattivo vedi arrivare, canna che si piega al vento devi diventare.

Ne pagnotta e'na fiasca prendemo'l mondo come casca.
Una pagnotta e un fiasco e prendiamo la vita come viene.

Le bott del vin bon e i omn brèvi finischn prest.
Le botti di vino buono e gli uomini di valore hanno vita breve.

Del vin bidogna fann us, no abus.
Del vino bisogna farne uso e non abuso.

Lo 'mparà è 'na radica amara, ma tanti frutti ce prepara.
L'imparare è una radice amara ma tanti frutti ci prepara.

Chi non se vole mai annojgljà, de lo male de li vicini a da parlà.
Chi non si vuole mai annoiare, del male dei vicini ha da parlare.

Un'aria de focu e una de cantina, fa vene la sera e la matina.
Un boccata d'aria calda e un sorso di vino fanno bene la sera e la mattina.

L'omo dice che lu tempu passa, lu tempu dice che è l'omo a passà!
L'uomo dice che il tempo passa, il tempo dice che è l'uomo a passare!

El podestà de Snigaja se en indvina sbaja.
Il podestà di Senigallia se non indovina sbaglia.

Parli co'lu rré perché te piace la regina.
Parli con il re perché ti piace la regina.

Quanno lo pioe, quanno la secca, accidenti a quanno ce se azzecca.
Quando la pioggia, quando la siccità, accidenti a quando ci si indovina.

Se biastimi e se ce preghi, a lu prete nò lu freghi.
Se bestemmi e poi preghi il prete non riuscirai ad imbrogliare.

L'amicizia fatta in prescia dura pocu!
L'amicizia fatta in fretta dura poco!

L'amicizia tra socera e nora, dura quantu la vruscina marzarola.
L'amicizia tra suocera e nuora dura quanto il freddo marzolino.

Chi fatica pe' le feste, la 'rcurdura glj se 'mpesta.
Chi lavora per le feste, il raccolto si guasta.

Megljo commatte co lu demonio che co 'na femmena 'rmasta pè Sant'Antonio.
È meglio aver a che fare con il demonio, che con una donna rimasta per Sant'Antonio.

Lo pocu è tantu per chi ha pocu.
Il poco è tanto per chi ha poco.

Quanno co' un pezzente hai a che fare: tenè la vocca chiusa e le mane in saccoccia è lu cunsiglju da dare.
Quando con un pezzente hai a che fare: tenere la bocca chiusa e le mani in tasca è il consiglio da dare.

Le chiacchiere fa li piducchi, li mmaccarù rempie la panza.
Le chiacchiere fanno i pidocchi, i maccheroni riempiono la pancia.

Quanno lu pecoraru va a Maremma glj pare d'esse principe e notaru: la coa de la pecora è la penna, lu sicchiu de lo latte è lu calamaru.
Quando il pastore andava in maremma credeva d'essere un principe e un notaio: la coda della pecora era la penna ed il secchio del latte il calamaio.

Se sé satullu e abbeveratu ringrazia lu pastore che t'ha paratu.
Se sei sazio e hai ben bevuto ringrazia colui che ti ha permesso di mangiare e bere a sazietà.

La salut sembr e li quatren or e mumend.
La salute sempre e i soldi ora e momento.

Ie na cos fatt a ros, ros ni ie, azzik chi iè!
È una cosa fatta a rosa, rosa non è, azzecca cos'è!

Chi ne becc'ha già beccat.
Chi non becca ha già beccato.

Crist fa l'anzalat e lu diavele l'acconcjie.
Cristo fa l'insalata ed il diavolo la condisce.

L'ommene sole m'ezz'a tant dame, fa la fijure de lù salame.
L'uomo solo in mezzo a tante dame, fa la figura del salame.


1 commento:

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento!

© The Marche Experience 2014 -. Powered by Blogger.